Menu

Assicurazioni 2015

Le tariffe e i relativi moduli sono disponibili alla voce Office/Assicurazioni 2015.

Istruzioni

Home

Deltaplano azzurro in testa ai Mondiali. Ciech irresistibile

Volano verso l’ottavo titolo mondiale di deltaplano i nostri piloti sbarcati a Valle de Bravo, in Messico. Dopo quattro giorni di gara la situazione tende decisamente al rosa, anzi, all’iridato per la precisione, facendo i debiti scongiuri.
Christian Ciech, scatenato, mette in riga il mondo e vince la prima, terza e quarta task. Ora guida la classifica individuale davanti al francese Antoine Boisselier ed al ceco Benes Petr. La Nazionale è prima davanti a Francia ed Australia con un migliaio scarso di punti di vantaggio, patrimonio da non dissipare.
Si fanno sentire anche tutti gli altri: Suan Selenati è arrivato terzo nella seconda task, ma incappa in guai tecnici con la strumentazione in quella successiva che lo obbligano ad atterrare anzitempo. Filippo Oppici, Davide Guiducci e Tullio Gervasoni hanno mantenuto posizioni a ridosso dei primi nella varie prove, rispettivamente di 109, 115, 94 e 107 chilometri. A mezza classifica Valentino Bau, in recupero. Venti le nazioni in gara per un totale di 95 piloti, oltre a team leaders ed accompagnatori. Quelli italiani sono Flavio Tebaldi assistito da Andrea Bozzato ed Elia Piccinini.
Chi vuole seguire le gare in diretta da ogni parte del mondo, grazie al sistema live streaming di Tonino Tarsi può collegarsi a
http://www.livetrack24.com/
Sito ufficiale con classifiche
http://www.faihgworldmex.com/

Gustavo Vitali - Ufficio Stampa FIVL
Associazione Nazionale Italiana Volo Libero
http://www.fivl.it - 335 5852431 - skype: gustavo.vitali

Exit point

Il pomeriggio al Cloud Nine, il bar che fa da quartier generale per gli Airgames, si annunciava pigro, il forte vento da sud aveva bloccato tutti i voli del Badabag e la spiaggia di Oludeniz era innaturalmente sgombra da vele e piloti. Con quelle condizioni, forse, avrebbero potuto volare solo le vele da speed, ma... ai comandi del pilota giusto, e poi, anche a volerci provare si trattava di trovare il posto più adatto dove decollare ed eventualmente riuscire a raggiungere la spiagga. Tomas Lednik, però, un'idea l'aveva, ed a solleticare la sua infinita voglia di volo questa volta ci avevano pensato due piloti brasiliani: "Se tu cnosci un buon posto da dove partire noi verremmo volentieri ad aiutarti". L'idea piaceva anche a Jason White, un pilota americano dello Utah che abbandonata da poco la sua carriera di pilota di linea si era buttato anima e corpo nel mondo dello speedflying e piaceva anche a me, non per volare, ma per avere una bella storia da raccontare.

... Il racconto di Giorgio Sabbioni continua su Volo Libero 255

255 exit point

Kurt Eder, un pezzo da maestro

La selletta per molti piloti è l’elemento più importante di tutto l’equipaggiamento. Per questo motivo Kurt Eder la sua selletta la sviluppa e la cuce personalmente.
Il suo nuovo capolavoro potremmo ammirarlo questa primavera.

... L'intervista a Kurt è su Volo Libero 255

255 kurt

I tre giorni del condor

No, non mi riferisco al mitico thriller di Sidney Pollak, ma al week end lungo del 7-8-9 giugno 2014, che resterà negli annali del volo libero per il superamento della barriera dei 300 km su triangolo FAI, soglia sino ad allora mai neppure avvicinata ed invece battuta ben due volte nel giro di 24 ore, seguiti da altri 296 km il terzo giorno.
Sabato 7 Thomas Walder, decollando da Zilliertal, a nord dello spartiacque alpino, ha frantumato i precedenti record chiudendo un triangolo FAI da 325 km. Dando prova di incredibile resistenza psico-fisica, tenterà il bisnei due giorni successivi mettendo a segno 264 km domenica e 295 lunedì.
Per una beffa del destino, Berhnard Peßl ha chiuso il suo triangolo da 300 km un giorno troppo tardi per scrivere la storia, partendo da Malga Grente (Antholz) il giorno 8. Ha comunque il primato di aver chiuso il primo triangolo 300+ con una vela di classe "B".
A prescindere dagli scontati complimenti a due piloti eccezionali, è interessante andare a vedere le caratteristiche meteo di queste incredibili giornate.
La struttura delle figure bariche è quella che io chiamo "standard", quanto di più classico per una giornata buona in estate nel cuore delle Alpi.

... Continua su Volo Libero 255

255 meteo

Fare qualcosa

Nell'aula del tribunale ci sono tutti i rappresentanti dell'azienda produttrice, rappresentanti del laboratorio di certificazione, i test pilot che avevano firmato i test report, i parenti del pilota vittima dell'incidente, esponenti delle Federazioni europee e rappresentanti del gruppo di lavoro del CEN.
Le due squadre di avvocati stanno parlottando quando il giudice entra per leggere la sentenza. Nell'aula cala il silenzio, sguardi fissi dei parenti della vittima, qualcuno riesce a fotografare il CEO dell'azienda produttrice mentre si morde un'unghia.
Una goccia di sudore solca la fronte del responsabile del laboratorio di certificazione.

Esattamente due anni prima un pilota tedesco stava volando con il suo parapendio di classe B in una nota località di volo italiana. Il libretto attesta sei anni di esperienza e circa duecentocinquanta ore di volo. Il mezzo era praticamente nuovo, da poco immesso sul mercato. Lo stato dell'arte della tecnologia applicata al volo libero.
I giornali lo descrissero come un "colpo di vento improvviso" mentre agli atti è riportato "chiusura asimmetrica seguita da violenta rotazione positiva". Vite stabile fino al suolo. S’ipotizza che il pilota abbia perso i sensi per l'accelerazione, il decesso avviene durante il trasporto in elicottero.

La vittima era un industriale, un pezzo grosso. La richiesta di risarcimento era astronomica.
Dopo solo due mesi dall'incidente, quando l'indagine tecnica delle federazioni non si è ancora conclusa, una mattina alle nove e trenta qualcuno suona al citofono del laboratorio di
certificazione.

... Continua su Volo Libero 255

255 fare qualcosa

Mondiali deltaplano: Christian Ciech vince la prima task

Eccellente esordio azzurro al XX Campionato Mondiale deltaplano a Valle de Bravo, località turistica posta su un altopiano a 1800 metri in riva al lago Avándaro, a circa 160 km da Città del Messico.

La prima task è stata vinta da Christian Ciech, seguito da Suan Serenati, ottavo, che trascinano la squadra al primo posto nella classifica per nazioni. Buona anche la prestazione di Davide Guiducci. Della squadra fanno parte anche Filippo Oppici, Tullio Gervasoni, Valentino Baù. CT Flavio Tebaldi assistito da Andrea Bozzato ed Elia Piccinini. Massimo impegno degli azzurri per difendere il titolo conquistato nel 2013, il settimo della loro storia oltre ai tre europei.

Al campionato partecipano una ventina di nazioni per complessivi 110 piloti, dati provvisori da confermare appena usciranno le classifiche ufficiali. Hanno funzionato bene i sistemi live tracking di Flymaster e quello in live streaming di Tonino Tarsi. Si può seguire la gara in diretta da ogni angolo del mondo. Le montagne che circondano Valle de Bravo sfiorano i 3500 metri, regalando al comprensorio condizioni ideali per il volo libero.

Gustavo Vitali - Ufficio Stampa FIVL

Associazione Nazionale Italiana Volo Libero

http://www.fivl.it - 335 5852431 - skype: gustavo.vitali

Come usare il ...

Il club Le Poiane d'Oltrepo invitano GIOVEDI 5 MARZO 2015 ad una serata di informazione sull'uso del GPS DIGIFLY, presente Donato Robortella, patron della Digifly medesima. Sede dell'evento il BAR PORTICI nel comune di Montalto Pavese.

Scopo della serata quello di imparare ad usare lo strumento per migliorare i nostri voli.

Sarà possibile cenare al Portico dalle ore 20 al costo di soli 15 euro, contattando entro il 3 marzo

PAOLA - segreteria (AT) lepoianedoltrepo.it - 334 9362577 - http://www.lepoianedoltrepo.it/
alla quale potrete rivolgervi per ogni altra informazione.

Pagina 1 di 50

Annunci

default
06.03.2015 3:44

Go to top